Finlandia da sud a nord

In questi giorni di caldo micidiale il pensiero va alla bellissima esperienza fatta in Finlandia questo marzo. Il desiderio di vedere l’aurora boreale e l’occasione di festeggiare la mia laurea ci hanno spinti a Nord. Organizzare un viaggio in Finlandia non è semplicissimo, le informazioni e i diari di viaggio sono pochi e non aggiornati, quindi spero di aiutare chi come noi desidera entrare in contatto con l’estremo nord.

Una settimana è stata sufficiente a farci innamorare di questo popolo attento alla natura e dedito allo sport.

Siamo partiti da Roma con Finnair e siamo atterrati ad Helsinki. Diciamo che l’inizio non è stato dei migliori perché la valigia di Andrea non è arrivata con noi e l’assistenza è stata scarsa. L’idea di passare giorni interi senza l’abbigliamento termico lo spaventava ma ci siamo organizzati in modo da poter affrontare il gelo della Finlandia.

Helsinki è una città molto carina ma senza particolare charme, consigliamo una passeggiata in centro, il mercato del pesce al porto ed il traghetto per l’isolotto di Suonmenllina. Il mare ghiacciato è stata una visione celestiale ed anche se non c’è molto da vedere abbiamo apprezzato questa breve gita.

La notte l’abbiamo passata sul treno per Rovaniemi, detto anche Pendolino di Babbo Natale.

Comfort e pulizia hanno regnato per le 10 ore di viaggio ed il panorama imbiancato ci ha ripagato del lungo viaggio.

Rovaniemi è la tipica città sovietica, fredda e senza bellezze, anche il villaggio di Babbo Natale non ha niente che possa lasciare senza fiato, le costruzioni sono tipiche strutture acchiappaturisti e la linea del Napapiri non è altro che una striscia di vernice bianca davanti ad un souvenirs shop, ma possiamo sempre dire di aver conosciuto il vero Babbo Natale.

La notte l’abbiamo trascorsa poco fuori il paese in una casa con sauna e vista sul fiume ghiacciato e l’indomani siamo partiti alla volta della  Lapponia.

Durante le 6 ore di viaggio abbiamo osservato il panorama candido e fitto di vegetazione che si mostrava a noi, con stupore e meraviglia. L’autobus ci ha lasciato direttamente davanti al residence che avevamo prenotato per le successive 4 notti, forse l’unico con prezzi accessibili.

La voglia di correre come bambini sul lago ghiacciato ha preso il sopravvento ed abbiamo assistito ad un suggestivo tramonto. Il villaggio di Inari è un vero e proprio “villaggio” con solo un piccolo supermarket che fa anche da farmacia e posta, un pub ed un albergo.

La sera, alle 19.30, dopo aver mangiato un bel trancio di salmone acquistato poco prima ci siamo diretti alla scoperta della distesa di neve nella speranza di vedere l’aurora.

Dopo un paio di ore a -15 gradi siamo rientrati per un the caldo e per far riposare la macchina fotografica, ma dopo una breve pausa ci siamo rivestiti, cosa che nei giorni a seguire faremo almeno 10 volte al giorno, e siamo usciti di nuovo per cercare lei, l’ Aurora.

 

 

Neanche il tempo di mettere il naso fuori dalla baita che eccola arrivare sopra le nostre teste con una danza psichedelica che ci accompagnava verso il lago ghiacciato. In quel momento non abbiamo neanche capito cosa stesse accadendo e lo stupore ci ha fatto compagnia  per la seguente ora con un gioco di luci che ha toccato tutte le sfumature del verde e del rosa. L’emozione è stata incontenibile ed Andrea ha passato tutto il tempo ad impostare la nostra compatta per immortalare quell’evento magico.

Vederla è stata per noi la realizzazione di un sogno, un desiderio che in un attimo ha preso forma e ci ha fatto essere grati ancora di più alla natura.

I giorni seguenti li abbiamo trascorsi  tra escursioni organizzate e passeggiate infinite dove il solo rumore era quello dei nostri piedi sulla neve.

Nel prossimo post inseriremo tutte le info di costi, escursioni e cibi vegetariani e gluten free.

Per ora godetevi il fresco della Finlandia dal nostro racconto per sopravvivere all’afa di questi giorni.

2 risposte a "Finlandia da sud a nord"

Add yours

  1. Bravissima amica! Bell’articolo, cogli in pieno il cuore di chi quest’esperienza unica ancora la deve vivere.. nella realtá, nell’immaginazione… comunque da vivere! Sará un altro viaggio da appuntare sulla mia agenda!:)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: